Come FB sceglie cosa farti vedere in Home e cosa sceglierà con il nuovo algoritmo!

Ed ecco che oggi ho deciso di parlarvi dell’altra mia passione, che poi è anche parte del mio lavoro, ovvero la comunicazione e  i social media.

Molti ci chiediamo se lavoriamo con altri, come dare visibilità ai post della nostra pagina e, dall’altra parte, ovvero da utenti vorremo sapere in base a cosa FB decide di rendere visibili  oppure no i post dei nostri amici nella “Home”.

Ebbene pochi di voi sapranno che la bacheca o meglio Home o meglio ancora “news feed” è stata introdotto in FB solo due anni dopo la sua fondazione ovvero nel 2006 e non è stata subito né compresa né apprezzata da tutti gli utenti, che non erano abituati a questo “bombardamento d’informazioni”, ma  erano invece soliti andare a visitare i singoli profili degli amici.

Figuriamoci la reazione, inizialmente choc con le pagine aziendali, che hanno portato ulteriore complicazione nell’algoritmo di scelta delle informazioni da far vedere in Home!

Il meccanismo, tuttavia, è rimasto oscuro e solo da poco Mark ha deciso di svelare in parte i meccanismi di questa funzione: non vi starò ad annoiare con tutte le caratteristiche attuali dell’algoritmo anche perché sta già per cambiare. Vi parlerò invece di alcune novità MOLTO rilevanti:

Uno studio su 460 milioni di “aggiornamenti di stato” ha permesso ai data scientist di FB di individuare le locuzioni più ricorrenti associate ai messaggi a elevata circolazione in poche parola i “meme” che molti utenti usano per aumentare la propria popolarità e quindi visibilità (in base all’algoritmo precedente). Esempio: clicca qui se anche tu ami gli animali, ecc.. (e via di seguito..)

Da “copia e incolla questo messaggio” a “usa questo messaggio come status”, passando per tutte le formule di incoraggiamento annesse come “fai like se…”. FB vuole incoraggiare i contenuti di qualità, incoraggiando invece le fonti  autorevoli come gli editori, anche allo scopo di incoraggiarli ad usare il social network .

Per quanto riguarda le persone e gli amici, FB avrebbe poi inserito un nuovo meccanismo per  verificare discussioni rilevanti e legami forti, ovvero per privilegiare la visibilità di argomenti e temi che dovrebbero interessarci davvero!

In sintesi non prendiamocela con l’algoritmo FB, ma muoviamoci verso la qualità seguendo lo slogan “Il web è morto” che affermò Wired non troppo tempo fa, dove indicava in realtà che era morto il web generalistico, a scapito della qualità, curando le reti sociali e nel caso delle pagine, cercando di produrre contenuti di qualità, condivisibili in modo spontaneo dagli utenti.

Insomma, come sempre nella comunicazione, le scorciatoie non pagano e anzi spesso penalizzano!FB algoritmo valepiace

Annunci

5 pensieri su “Come FB sceglie cosa farti vedere in Home e cosa sceglierà con il nuovo algoritmo!

  1. parole santissime! Anche se personalmente, facendo appunto contenuti di qualità, non mi sta mica troppo bene che con le nuove versioni del famoso algoritmo allo stesso tempo Facebook stia palesemente spingendo, privilegiando (o insomma ognuno lo dica come vuole il risultato è che porta in palmo di mano) i contenuti veicolati “a pagamento” (tramite le campagne e sponsorship appunto) e finisce per oscurare e relegare nel dimenticatoio i pochi che ancora resistono con la formula: contenuto di qualità + diffusione “naturale” (like e share e non sponsored by).
    in effetti, sono un po’ schifata da questa cosa. Da addetta ai lavori anche io eh..

    • Pienamente d’accordo! Solo che FB come tutto gli altri ama ottenere denaro e farsi pagare 🙂 quindi tenta qualche correttivo ogni tanto per non disgustare completamente te persone meno preparate di te.. Ma fargli capire che nn deve guadagnare (solo) e’ dura 😠😠

      • Guarda per come la vedo io capirà, visto che la sua fortuna e il suo successo sono stati quelli di essere gratuito e free (libero di contenuti possibilità e prezzi). Sarò naif ma come noi quasi tutti gli “esperti” del settore sono contro gli ads a pagamento se non pienamente giustificati, e con parsimonia (intendo gli esperti seri non quello che ti promettono Like e poi li comprano un tot al kilo!)

      • 😃😃😃sono d’accordo ma secondo me ci vuole un po’ .. Poi di per se’ non sono contro le campagne in generale .. Se fatte seriamente e seriamente spiegate al cliente possono avere una loro utilità.. Basta fb non diventi solo quello, ma neanche io lo credo!

Grazie, se lo hai considerato utile/interessante.. qui puoi lasciare un commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...