Vintage for dummies: le borse che devi (davvero) avere!

YSL vintage bag

YSL vintage bag

Partiamo da un presupposto: borse vintage e non vintage s’intrecciano nella vita reale degli appassionati, che spesso aspirano a un “totally vint”, ma cedono poi alle tentazioni della moda.

Penso allora dalle borse che servono nella vita reale, vintage o no, per trarre qualche spunto e cito ancora la mia guru e maestra di stile, Madame Dariaux:

2 borse medie per il lavoro ( possibilmente di pelle una nera e una marrone).

1 pochette per la sera, possibilmente davvero bella di tessuto pregiato e con una forma particolare.

1 borsa medio grande per i viaggi brevi.

1 borsa di paglia per  l’estate e il mare, che come ho già detto diverse volte è l’unica borsa chic per la spiaggia! 😀

Detto ciò, e ammettendo le consuete variazioni e trasgressioni di chi conosce bene lo stile, vi dico secondo me quali sono le borse vintage irrinunciabili.

Una borsa piccola anni ’50 in lucertola, che non s’indosserà mai di sera, ma che con jeans e anfibi o con un dress grunge a contrasto è stilosossima. Bella sia in marrone sia in nero, costituisce l’ABC della vintage addicted e se siete fortunate si può trovare ai mercatini anche per 20 Euro circa.

Questo tipo di borsa è bella anche bianca  o colorata, più rara e di conseguenza più preziosa, ma anche più difficili da abbinare e da portare.

Una volta fatte le ossa con questo pezzo potete passare ad altri modelli e anche alle “firme” e cercarvi una pochette di seta (dagli anni ’30 ai ’70) per la sera: anche queste  sono facili da trovare, anche per pochi euro e presenti in diversi colori. Se davvero siete fortunate e motivate potete cercare anche una “Robertina” ovvero una piccola borsa di Roberta di Camerino, particolarmente di moda negli anni ’70, ma ora tornate in produzione in velluto. State attente a non farvi “infilare” una Roberta nuova, sembra banale ma non lo è e occhio sempre ai prezzi, essendo molto ricercate, a volte può capitare che vi “sparino” prezzi non proporzionati al modello.

Una vera vinage victim, in ogi caso, non può non avere una Roberta nel suo arsenale! 😀

Infine potete cercare una borsa marrone (colore in auge nei tempi passati perché “andava con tutto”) anche non di pelle,  a me piacciono molto quelle YSL anni ’70, che potete trovare anche a 50 Euro circa se siete fortunate, e poi le Balmain, le Guy La Roche..e chi più ne ha più ne metta. Anche nel vintage vale il principio che una firma “vale” fosse anche solo di un atelier, ma valgono certamente anche la fattura, i materiali, ecc..

Le borse Dior anni ’70 sono molto belle, ma in questo momento hanno meno mercato. Le borse di Gucci vintage sono belle (molto più di quelle nuove) ma bisogna stare attenti e possibilmente documentarsi bene perché i prezzi spaziano veramente tanto e a volte i 2-300 Euro che possono chiedere in alcuni negozi non sono assolutamente giustificati! Inoltre bisognerebbe “studiarsi” bene le variazioni di forma e di logo (che è cambiato molto nel tempo).

Voi cosa ne pensate quali sono le borse vint a cui non rinuncereste mai?? Datemi info e scrivetemi i vostri pareri aspetto con ansia! 😉

 

 

 

Annunci